Questo governo regionale, con la sua esigua maggioranza, è sempre più caratterizzato dalla politica degli equivoci, afferma Michele Iorio.

Ancora una volta si vuole sottovalutare la spinta privatistica che caratterizza la legge sull’Egam e le sue deleterie conseguenze.

La parte centrale e dirimente della imposizione della Giunta Frattura prevede la formazione di una “nuova” società in house che dovrà occuparsi della gestione del ciclo integrato dell’acqua.

In altre parole – continua Iorio – Molise Acque conserva la sua missione originaria e il suo statuto che prevedono la gestione della grande captazione e della grande adduzione con la possibilità di privatizzare la parte più sostanziale e più redditizia dell’intero ciclo dell’acqua.

La nascente seconda società in house, insieme ai comuni, ha peraltro la necessità di organizzare la sua complessa struttura che, insieme alla complessa organizzazione dell’Egam, comporterà un enorme costo aggiuntivo i cui fondi dovranno pervenire attraverso le tariffe dell’acqua.

Noi non ci fidiamo – conclude Iorio – di questo governo regionale e continueremo la nostra battaglia contro una legge che presenta elementi di dubbia legittimità e che prevede un pesante aggravio economico sulle bollette dei cittadini molisani.