Mazzuto, coordinatore di ‘Noi con Salvini’, lancia un nuovo appello agli amministratori: rigettare al mittente il tentativo di ricatto.

“O il Comune di Isernia” -(ma tutti gli altri Comuni più in generale)- “approva ed aderisce allo SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) con un progetto per non meno di 150 migranti clandestini, a gestione diretta del Comune, o ne possono arrivare anche altri 800, 1000, senza limiti in strutture private”.

Questo il messaggio ricatto -in sintesi- che Sua Eccellenza il Prefetto di Isernia Dottor Fernando Guida ha dato ieri sera in un incontro pubblico organizzato dal sindaco d’Apollonio nell’aula consiliare, alla vigilia del Consiglio Comunale convocato per giovedì 20 aprile alle h. 16,00, appunto per discutere di SPRAR.

Siamo letteralmente allibiti, la situazione dell’intera regione Molise è al limite della sopportazione con i circa 4000 migranti già presenti sull’intero territorio regionale, oltre ogni limite percentualistiche. Non basta: ne arriveranno tantissimi altri, in barba ai nostri disoccupati, inoccupati, giovani che scappano, alle nostre famiglie al limite della povertà e che non possono comprare neanche gli alimenti di prima necessità e medicinali. Per saperne di più basta chiedere alla CARITAS! Ma queste cose Le Loro Eccellenze i Prefetti lo hanno segnalato alle strutture centrali dello stato?

Ciò che ci preoccupa di più, però, sono i Sindaci dei nostri Comuni, solo alcuni si stanno opponendo, ma altri, coperti anche da una compartecipazione dell’ANCI, in Molise più che mai con il Presidente Sciulli, che ha firmato protocolli d’intesa sullo SPRAR. INCREDIBILE! E domani sera ne sapremo di più anche per Isernia, per cui gli isernini sapranno con chi prendersela se il nostro territorio continuerà ad essere invaso.

Alla luce delle cose affermate, NOI CON SALVINI MOLISE chiediamo a tutti gli amministratori di rigettare al mittente il tentativo di ricatto. Non solo. Ma chiediamo una presa di posizione netta contro la linea del governo centrale, vogliamo la chiusura e smantellamento dei centri finora autorizzati.

Prima i nostri giovani, prima i nostri inoccupati, prima i nostri disoccupati, prima le nostre famiglie bisognose. ACCOGLIAMO PURE I RIFUGIATI CHE NE HANNO TITOLO, TUTTI GLI ALTRI AIUTIAMOLI A CASA LORO. BASTA MERCIFICAZIONE. SAREBBE ORA DI AFFERMARE UN PO’ DI UMANITA’, SE NE ABBIAMO! STOP INVASIONE, PRIMA I MOLISANI!