E’ stato arrestato  in flagranza di reato dai Carabinieri della Stazione di Montaquila per tentata estorsione e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Si tratta di un 25enne di origine nigeriana, ospite in un centro di accoglienza temporaneo ubicato nella frazione di Roccaravindola.

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, il giovane, al quale era già stato notificato un provvedimento di revoca delle misure di accoglienza emesso dal Prefetto della provincia di Isernia, rifiutava di lasciare la struttura ricettiva, pretendendo mediante ripetute minacce di morte, somme di denaro contante dal direttore del centro.

I militari si recavano prontamente presso la struttura, dove il 25enne tentava di opporsi al loro intervento, venendo comunque immediatamente bloccato.

Trasferito in caserma, dopo le formalità di rito, l’immigrato veniva tratto in arresto con l’accusa di tentata estorsione e resistenza a Pubblico Ufficiale e pertanto rinchiuso presso le camere di sicurezza dell’Arma.

Ulteriori indagini sono in corso da parte dei Carabinieri sull’intera vicenda e non si escludono sviluppi già nelle prossime ore. Per un fatto analogo, lo scorso mese di aprile, i Carabinieri di Isernia, arrestarono un altro immigrato ospite presso il centro di accoglienza del comune di Castelpizzuto che si trova tutt’ora in carcere.